Sfondo_HomePage
Home_PageCHI SIAMOSCUOLA_PageEVENTI_PageDoveSiamo_PageContatti_Page

TitoloNews
 

FrecciaDown_Anim_Multicolor

E' arrivato, e anche già passato, il CARNEVALE 2018. I carnevali più famosi al mondo sono ormai storia del passato e rivivono soltanto nei documenti, filmati o fotografici, di coloro che hanno partecipato ai festeggiamenti promossi dalle varie città italiane ed estere.
In rete troviamo, e riproponiamo, le foto di alcuni famosi carnevali: nell'ordine quello di Venezia, di Viareggio, di Cento e di Rio.

Carnevale di Venezia

Carnevale di Viareggio

Carnevale di Cento

Carnevale di Rio

Anche Milano era, da tempo, pronta a festeggiare il Carnevale Ambrosiano 2018 in Duomo e per le vie del centro storico, come da sua abitudine consolidata nel tempo. Tutti noi sappiamo che nel Rito Ambrosiano, diversamente da quello osservato nel resto d’Italia, i festeggiamenti dedicati
al carnevale vengono posticipati di quattro giorni: dal martedì grasso 13 marzo, celebrato dalla
tradizione romana, al sabato grasso 17 marzo.

Carnevale di Milano

Ma quest’anno, purtroppo, il programma dei festeggiamenti
ha subito una modifica rispetto agli anni scorsi: non c'è stata la tradizionale sfilata con i carri degli oratori della Diocesi, che si snodava da oltre 40 anni, nel centro storico. La decisione è arrivata dopo un colloquio tra l’amministrazione comunale e la FOM (Fondazione Oratori Milanesi). La ragione è da attribuirsi alle misure di sicurezza
richieste per ogni tipo di raduno di massa in aree sensibili, previste dal recente decreto
del ministro dell’interno Minniti.
Non siamo in grado di collegare il fatto che anche qui a Merate la sfilata dei carri allegorici non ci sia stata per la stessa ragione prudenziale. Infatti, la FOM aveva inviato, già da mesi, a tutti gli oratori della Diocesi il tema di quest'anno che così recitava: "COLEOTTERI,STUPIDOTTERI,
BOMBOLOTTERI",
ovvero: Alla scoperta di milioni di piccoli esseri. Possiamo però riportare che, a differenza degli anni in cui anche Merate aveva la sua, pur modesta, sfilata di carri allegorici lo scorso sabato grasso 17 marzo il centro storico non si è riempito di gente proveniente anche dai paesi limitrofi. I ragazzi, e gli adulti dell'Oratorio, sono arrivati sotto la cararteristica torre cilindrica con un unico carro, tanti ragazzi e bimbi accompagnati dai genitori, tutti mascherati secondo il tema lanciato dalla FOM di MIlano. Vedi foto di Merateonline qui sotto.

Carnevale di Merate

E, pensare che alcuni decenni fa, nei primi anni 60, nel quadro del Palio delle Contrade,e negli anni 80, in quello dei Giochi sotto la Torre, per il carnevale le piazze e le vie del centro storico di Merate si riempivano letteralmente di curiosi, provenienti anche dai paesi del circondario, per assistere alle due sfilate dei carri allegorici della Domenica che precedeva il sabato grasso ed il sabato grasso stesso Qui sotto alcune nostalgiche immagini di alcuni carri degli anni 1961-62. Sono in bianco-nero ma sono pregne di storia e di ricordi.

Carro dei Blu_1961

Carro dei Verdi_1961

Drago dei Rossi_1961

Carro degli Azzurri_1962

Carro dei Gialli_1962

Vale la pena cliccare sulle immagini per ingrandirle e, al contempo, ricordare tutti coloro che in quegli anni, dopo una intensa giornata di lavoro, si riunivano al freddo, sotto un capannone, o una tettoia improvvisata, al fine di ripararsi dalla neve, per costruire un carro allegorico. Quelli dei primi anni 60 erano quasi tutti giovani che frequentavano l'oratorio e, Il più delle volte, si arrangiavano con attrezzi di fortuna e materiali di recupero. Come al solito, di soldi ce n'erano pochi. Il lavoro di costruzione durava parecchio. Per realizzare un carro che potesse concorrere, e magari classificarsi al primo posto, bisognava incominciare il lavoro subito dopo Natale, con ancora il panettone sullo stomaco. Per fortuna, a riscaldare l'ambiente e i lavoratori c'era sempre qualche genitore, o qualche sorella, che arrivava sul cantiere con il grappino, il caffè e il fiasco del vino. E, tutto ciò si faceva volontieri, senza badare ai sacrifici ed alle ore piccole. E, il premio di un'eventuale vincita?
Non c'era in palio alcun premio di carattere monetario o venale. Si guadagnavano soltanto dei punti che finivano in classifica generale, assieme agli altri punti che, di volta in volta, si conquistavano durante le varie competizioni dell'anno oratoriano.

A Giugno poi, quando si tiravano le somme, prima di andare in vacanza e dopo la Caccia al Tesoro, il Rione che risultava in testa alla classifica si aggiudicava il Palio delle Contrade e una cesta di prodotti alimentari, donati dai bottegai di Merate. Il Palio, purtroppo è sparito nella notte dei tempi. E' rimasta soltanto la foto.

Palio delle Contrade di Merate_1960

Barra invernale corta

In tutte le nostre aule di studio c'è un grande fermento: il concorso XIV Biennale d'Arte_Premio Fratelli Cernuschi è ormai in dirittura d'arrivo. Il manifesto definitivo con le nuove date e gli orari, dopo il contrattempo che ne ha ritardato di qualche mese l'iniziale programmazione, è pronto per essere stampato e tutti gli allievi, con la solita premurosa assistenza delle loro docenti, stanno ultimando le opere che verranno esposte a questa nuova edizione della Mostra/Concorso.

Manifesto XIV Biennale d'Arte

Cliccate sulla miniatura per ingrandirla ed accedere alle informazioni relative alla Mostra.

BarraInvernale_Corta

Nel tentativo di soddisfare l'interesse anche di coloro che non trovano nei corsi attualmente gestiti dalla nostra scuola quell'attrazione particolare tendente a far emergere la loro creatività, la nostra Direttrice Maria Trivulzio si sta operando fattivamente per promuovere altre tipologie di apprendimento. Tali tipologie, riservate soltanto a Corsi Brevi, potrebbero essere:
Modellazione creta al tornio;
Figura con modella;
Pittura su tessuto;
Cartonaggio e decoupage;
Gioielli in Silver Clay;
Tecnica di affresco su muro;
Pittura con foglia d'oro;
Incisione calcografica.

Se vi sentite attratti da una di queste espressioni artistiche contattate la nostra segreteria,
il giovedì o il sabato pomeriggio dalle ore14,30 alle ore 17,30,
Tel/Fax: 0395983786
,
o inviateci una mail.
Resta solo l'imbarazzo della scelta per dar sfogo alla tua creatività.

Barra divisoria

StatisticaSito_Logo

Questo nostro sito è attivo dal 19 Novembre 2014. Da questa data alla data odierna, sono trascorsi poco più di 3 anni. A tutt' oggi, abbiamo avuto quasi 12mila visite per un totale di oltre 29milapagine visionate. Notiamo con vero piacere che l'interesse degli internauti nei nostri riguardi tende a mantenersi altalenante, ma abbastanza costante. Dalle recenti statistiche, si evincono i seguenti dati medi: circa 11 visite e 26 pagine visionate al giorno.
Ovviamente, sono dati molto gratificanti che ci spronano a continuare nel nostro intento di rendere questo sito sempre più accattivante, più interessante e più utile, con frequenti aggiornamenti riguardanti le nostre attività, le ricorrenze che viviamo e il mondo dell'arte che ci circonda.

Seguici su Facebook

Nel continuo tentativo di migliorare le nostre attività e di essere più presenti sul territorio, vi invitiamo a partecipare al nostro Sondaggio conoscitivo rispondendo ad alcune semplici domande che potrete trovare sul modulo che vi verrà proposto cliccando sulla testatina riportata al piede della colonna di destra.

FrecciaDX

Da parte vostra potete anche aiutarci a raggiungere il nostro intento suggerendo migliorie grafiche, consigli per una navigazione migliore e critiche costruttive riguardanti questo sito, scrivendoci una e-mail.

Pillole Arte Logo

Freccia Animata Giù

Puntuale, come sempre, arriva il Concorso Foto-pittorico 2018 degli amici di Arlate, giunto ormai alla dodicesima edizione.
A questo noto concorso,dal titolo
"In.... quadro il territorio" parteciperanno, come al solito, anche nostri allievi con opere pittoriche che attingeranno l'ispirazione da fotografie scattate sul nostro territorio. Cliccate sulla locandina per ingrandire, visionare e leggere il regolamento di partecipazione e, se desiderate partecipare, compilate la scheda di partecipazione e inviatela agli organizzatori.

Richiamo Volantino 2018

Barra divisoria

Il nostro amico e critico d'arte, Silvano Valentini, ci invita a seguire il suo nuovo breve corso di Storia dell'Arte che si terrà a Missaglia prossimamente. Cliccare sull'immagine della locandina sottostante per ingrandirla e visionare le date in programma.

Richiamo Storia dell'arte di Valentini

Barra divisoria

 

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

Sabato 27 gennaio scoirso, alla presenza dell'Assessore alla Cultura del Comune di Merate Giusi Spezzaferri e del Direttore della Scuola di musica San Francesco, Alberto Longhi, con una simpatica cerimonia, è stata consegnata l'opera in terracotta smaltata, eseguita da alcune allieve del corso di ceramica, che hanno aderito al progetto di ideare e realizzare un simbolo per una famosa opera di Igor Stravinskij. L'ambizioso progetto fu indetto lo scorso anno dalla Consulta Comunale di Merate che ha fatto propria l'idea del coinvolgimento tra le Associazioni Meratesi, proposta dal Direttore Longhi, per cercare di avvicinare le varie arti in un unico progetto di collaborazione relativo ad un'opera semplice, geniale ed elastica
come "L' Histoire du soldat", in occasione del 99° anniversario della sua prima rappresentazione, avvenuta a Losanna il 28 Settembre del 1918.

Histoire du soldat

Ne è nato così un lavoro di progettazione che ha visto coinvolte tre allieve della nostra scuola, esperte nella tecnica della ceramica. Sotto la guida attenta e meticolosa della loro insegnante, esse hanno saputo collaborare nella progettazione, realizzando un' originale violino in terracotta con un piccolo diavoletto smaltato, prendendo ispirazione dal tema dell'opera che è, chiaramente, una variante del mito di Faust... colui che decise di vendere la sua anima al diavolo. Qui sotto due foto della consegna.

Gruppo in posa

Targa ricordo

"Come Direttrice della Scuola d'Arte Pura e Applicata di Merate, devo ringraziare l'insegnante Daniela Angeli per l'idea e il cordinamento delle fasi esecutive del progetto e le artiste ceramiste: Rosanna Rigoni, Milena Orsenigo e Mariangela Galbiati per aver saputo cogliere appieno l'essenza dell'opera e per l'originalità della loro realizzazione". Maria Trivulzio

Barra divisoria lunga

Ma forse, a qualcuno interesserà sapere come è nata la storia di questa opera. Stravinskij si era allontanato dalla sua patria, la Russia, nel 1914, per riparare nella più sicura Svizzera, a Morges nel Vaud. Qui aveva una serie di amici di lingua francese tra i quali lo scrittore Charles Ferdinand Ramuz (morto nel 1947) e un direttore d'orchestra. La loro situazione economica era disperata... non avevano un soldo. Insieme, decisero allora di scrivere un'opera da portare in giro per la Svizzera come spettacolo itinerante per sbarcare il lunario... lo spettacolo doveva essere poco costoso e, pertanto, prevedere pochi strumenti, un' azione semplice, una scena spoglia e marionette al posto di attori in carne ed ossa. In un secondo momento, poi, cambiarono idea e al posto delle marionette inserirono pochi attori / mimi / ballerini per i pochi personaggi previsti. Stravinskij arrivò a definire questo progetto una "folle iniziativa", ma nonostante tutto l'idea andò in porto lasciando a noi un capolavoro assoluto. Lo spettacolo doveva essere rivolto ai bambini, ma piacere anche ai grandi. Ramuz trasse la vicenda da due fiabe della tradizione russa:
1. Il soldato disertore e il diavolo e 2. Un soldato libera la Principessa.

La storia sarebbe dunque ambientata non nella prima guerra mondiale ma nella guerra russo-turca (1827-1829) durante la quale lo Zar Nicola Primo impose il reclutamento forzato. Ma ogni guerra è uguale.... e la storia vale anche per la prima guerra mondiale. Siccome lo spettacolo doveva viaggiare, occorreva anche che gli strumenti e le attrezzature sceniche fossero facilmente trasportabili... quindi niente strumenti ingombranti (no
al pianoforte) e pochi oggetti scenici come uno zaino, uno specchio, un ritratto, un piccolo violino, un libro.... e un baldacchino smontabile per il narratore. L'organico strumentale è stato ridotto al minimo da Stravinskij:
1. Violino e Contrabbasso per gli archi; 2. Clarinetto e Fagotto per i legni;
3. Tromba e Trombone per gli ottoni; 4. Percussioni: un Tamburo militare - una Grancassa - due Tamburi rullanti - un Piatto sospeso - un Triangolo e un Tamburello basco, tutti suonati in batteria, dallo stesso musicista. A ciò, si devono aggiungere: 2 attori; 1 narratore; 2 mimi / ballerini e 1 direttore d'orchestra, per un esiguo totale di 13 persone.

Barra divisoria

Come già detto nelle news la nostra scuola è in grande fermento per l'allestimento dell'importane evento XIV BIENNALE d'ARTE. Dopo l'avvio spumeggiante di gennaio, con la ripresa dei nostri corsi ordinari di disegno, pittura, ceramica per adulti e bambini, la Scuola d'Arte viaggia a vele spiegate verso un 2018 che si preannuncia ricco di novità e di impegni importanti. Come già anticipato a suo tempo, quest'anno la ripresa dopo le festività natalizie e di capodanno, è iniziata con l'edizione di una nuova Operazione PORTE APERTE che ha incontrato un grande interesse tra i visitatori. Questa prima edizione 2018, è stata realizzata in tutte le aule del secondo piano della nostra sede dove, in concomitanza con la ripresa dei tradizionali corsi ordinari, era stata data la posssibilità di effettuare prove attitudinali gratuite a tutti coloro che, con curiosità e anche qualche timore, manifestavano un certo interesse per uno dei nostri corsi.
Vedere il resoconto sull'apposita scheda inserita sulla pagina EVENTI.

Titolo Nuovi Corsi 2018

I due nuovi laboratori di Decorazione Creativa di Manuela Fantuzzi e di Pittura ad olio, e altre tecniche pittoriche varie, di Cristina Cereda, inseriti nell'ultima operazione Porte Aperte, hanno dato i loro frutti confermando la validità di questo tipo di iniziativa. Sono nati, infatti, due nuovi CORSI BREVI, inseriti già da questo mese nella gamma di quelli ORDINARI che la nostra Scuola d'Arte Pura e Applicata gestisce ormai da parecchi decenni. Orgogliosamente,la Direttrice MariaTrivulzio sottolinea come questo 2018 sia davvero partito all'insegna della CREATIVITA' e del NUOVO.

Il 20 gennaio scorso, infatti, è partito il NUOVO LABORATORIO ARTISTICO di decorazione creativa e tecnica mista, tenuto da Manuela Fantuzzi

Manuela Fantuzzi

Gli incontri / lezioni si sono tenuti il sabato mattina dalle 9.30 alle 12.00 al secondo piano della nostra sede di Viale Lombardia,14 di Merate.
Le lezioni sono continuate il 27 gennaio e il 3 e il 10 febbraio u.s.
Per gli interessati un nuovo corso è in programmazione e, per partire, attende il raggiungimento del numero minimo di partecipanti. Affrettati!

Decorazione di Manuela Fantuzzi

Decorazione di Manuela Fantuzzi

Qui sopra due belle composizioni realizzate con la tecnica decorativa di Manuela. Per maggiori informazioni contattare telefonicamente la segreteria (0395983786) il giovedì o il sabato dalle ore 15 alle ore 18,30
o inviare una mail a: artepuraeapplicata@gmail.com.

Barra divisoria

Ma c'è anche un secondo Corso Breve che è partito da poco.
Sabato 27 gennaio scorso, dalle 14.30 alle 17.30 ha preso il via il corso di Pittura ad olio con velature. Costituito da 8 lezioni di 3 ore cad. il corso si comporrà di 24 ore di lezione in totale, rivestirà un carattere specialistico e di approfondimento pratico e sarà tenuto dalla nota artista Meratese Cristina Cereda. Fine prevista di detto corso Sabato 17 marzo 2018.

Porte Aperte Pittura

Volto di donna di Cristina Cereda

Opera di Cristina Cereda

Coloro che vogliono conoscere meglio l'artista Cristina Cereda possono visitare il suo sito:www.cristinacereda.com
Per maggiori informazioni sul corso contattare la nostra segreteria come sopra descritto.

Barra divisoria

Anche per il 2018 la nostra Scuola riproporrà il Corso di scultura su legno, che tanto successo ha ottenuto lo scorso anno, per il quale stiamo ora raccogliendo le adsesioni.

Bassorilievo su legno

Precedente cprso di scultura

Per gli interessati riportiamo qui le caratteristiche principali di detto corso:

Composizione: n.4 lezioni di 3 ore cadauna per un totale di 12 ore.
Nuovo orario delle lezioni: Domenica pomeriggio, dalle ore 15 alle ore 18.
Limite delle adesioni: Massimo n. 7 allievi dai 12 anni in sù.
Docente: Matteo Gandini, scultore di Missaglia.

Scultore Matteo Gandini

Per coloro che sono indecisi, ma vorrebbero aderire al corso, c'è sempre la possibilità di effettuare una prova gratuita sotto la guida dello scultore prima di confermare la propria adesione. Contattate la nostra segreteria negli orari sopra riportati, o tramite e-mail, per le informazioni del caso.

Barra divisoria

Freccia Down Animata

PARTECIPATE AL NOSTRO SONDAGGIO CONOSCITIVO.
Cliccate sull'immagine sottostante per accedere al modulo predisposto che si trova sulla pagina CONTATTI di questo sito. GRAZIE ANTICIPATE.

Testatina per sondaggio

Aggiornamento: 22 febbraio 2018
Page_Footer